A Nicola Gratteri il premio Caccuri

Con il libro "Fiumi d'oro. Come la 'ndrangheta investe i soldi della cocaina nell'economia legale", Mondadori, Nicola Gratteri, procuratore della Repubblica di Catanzaro, è il vincitore del premio letterario Caccuri. A pari merito al secondo posto Ferruccio de Bortoli con "Poteri forti (o quasi)" edito da La nave di Teseo e Tiziana Ferrario con "Orgoglio e pregiudizi" edito da Chiarelettere. La VII edizione del premio Caccuri, organizzato nell'omonimo borgo della Sila crotonese, è stata contrassegnata dal dibattito sull'attualità: dalla parità di genere ai retroscena del potere. Si è chiusa con la vittoria del volume del magistrato che promuove con forte convinzione la cultura della legalità e la lotta alla 'ndrangheta. "Ho ricevuto molti premi - ha detto Gratteri prima della volata finale a tre - ma quelli conferiti in Calabria hanno un sapore particolare. Ho deciso di rimanere in questa terra per contribuire a migliorarla, a renderla più vivibile. E non mi sono mai pentito di averlo fatto".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Qui Cosenza
  2. Qui Cosenza
  3. Qui Cosenza
  4. Qui Cosenza
  5. CN24

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Scala Coeli

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...